Atelier dell’immaginario

L’Atelier dell‘immaginario servendosi dell’universo artistico favorisce lo sviluppo affettivo e cognitivo e incentiva i processi e le dinamiche del pensiero creativo.

 

 

Cos’è l’Arte Terapia – L’Arteterapia consiste nella ricerca del benessere psicofisico attraverso l’espressione artistica dei pensieri, dei vissuti e delle emozioni, utilizzando le potenzialità che ognuno di noi possiede. Per mezzo dell’azione creativa l’immagine interna diventa immagine esterna, visibile e condivisibile e comunica all’altro il proprio mondo interiore emotivo e cognitivo.

E’ fondamentale sottolineare che il focus dell’Arteterapia, più che essere il prodotto artistico finale, è il processo creativo in sé, quindi la libera espressione.

L’arte terapia utilizza in modo privilegiato modalità espressive non verbali, la produzione artistica è il risultato dell’utilizzo libero e spontaneo dei materiali pittorici e non.

 

Chi è l’arte terapeuta – L’arte terapeuta è una figura professionale che ha acquisito il proprio titolo a seguito di un percorso formativo. Egli accompagna e sostiene le persone nel loro percorso espressivo, di riscoperta e approfondimento delle capacità creative individuali.

L’arteterapeuta affianca le persone che decidono di intraprendere un percorso di arte terapia creando uno spazio dove possano sentirsi in un “ambiente sicuro”, liberi di esprimersi senza giudizi.

 

Cos’è un atelier – E’ uno studio/laboratorio di facile fruizione da parte di chi lo frequenta. All’interno dell’atelier vengono proposte varie attività, calibrate e modulate in base al tipo di lavoro che si intende intraprendere con il partecipante.

Il linguaggio non verbale, manipolativo, grafico pittorico di cui si serve il laboratorio aiuta ad entrare in relazione con i propri vissuti e le proprie emozioni. Molto spesso non si è capaci di spiegare a parole quello che si sta provando, per questo il mondo dell’arte offre attraverso il prodotto finale, concreto o astratto, un’opportunità di espressione libera e pura.

Scegliere di intraprendere un percorso di arte terapia non richiede alcuna preparazione tecnica o artistica. Il lavoro ha luogo in uno spazio protetto, in un clima accogliente, di  condivisione e ascolto.

 

Perché iniziare un percorso di Arte terapia – Attraverso il processo creativo, il percorso porta all’acquisizione di strumenti indirizzati al cambiamento e alla crescita personale.

  • per elaborare vissuti di sofferenza o traumatici
  • per affrontare momenti di vita complessi o critici che minano l’equilibrio
  • per imparare a conoscere e riconoscere le emozioni
  • per migliorare le proprie abilità motorie
  • per comunicare utilizzano un canale non verbale
  • per chi ha una diagnosi o certificazione

 

A chi è rivolto 

  • bambini
  • adolescenti
  • adulti

 

Proponiamo percorsi 

  • individuali
  • in piccolo gruppo

 

E’ possibile richiedere percorsi specifici per

  • formazione per enti
  • scuole di ogni ordine e grado
  • residenze anziani
  • centri diurni

 

Contattaci per un incontro gratuito, per conoscere l’atelier dell’immaginario e valutare se c’è qualcosa che possiamo per te.

 

 

Giochiamo con l'arte - 1 parte

arteterapia
L’atelier dell’immaginario non si ferma … nel corso di questi giorni vogliamo regalarvi alcune idea artistiche da realizzare a casa con i vostri bimbi/e
Iniziamo con un “quadro” un po’ pasticcione ma molto divertente da fare

Occorrente
– Tempera di vari colori
– Busta trasparente da raccoglitore
– Scotch

 

Procedimento
– Tagliare la busta su tre lati in modo che si possa aprire come un libro
– Aprire la busta e mettere delle gocce di colore sopra una delle due pagine
– Chiudere la busta
– Mettere lo scotch sui tre lati per sigillare la busta
– Schiacciare con le dita le gocce di colore

🎨 Via alla fantasia e non dimenticatevi che sporcarsi é divertentissimo🎨

Giochiamo con l'arte - 5 parte

arte terapia giocare con l'arte

Strappo libero

Occorrente
– Fogli nero o bianco 
– Colla
– Quotidiano e riviste di scarto
– Bicchieri

Procedimento
– Lasciare libero il bambino/a di strappare i quotidiani e le riviste che gli avete dato.            – Con i pezzettini di carta che avrà a disposizione potrà creare il suo disegno.                       – Dategli il tempo di decidere come posizionare gli strappi sul foglio facendogli fare le prove necessari.                                                                                                                     – In un secondo momento dategli la colla per incollare.                                                         – A lavoro ultimato chiedete al bimbo/a di dare un titolo

🎨Poter strappare é qualcosa di trasgressivo di liberatorio perché solitamente viene detto ai bambini di non farlo. Utilizzando materiale di scarto, gli viene data questa possibilità in una situazione protetta. Dallo scarto, dalla sfogo, dalla trasgressione e dalle forme strane che assumeranno i pezzettini di carta nascerà qualcosa e l’assemblaggio assumerà forme diverse a seconda del tipo di giornali. Buon strappo 🎨

 

 

 

 

Giochiamo con l'arte - 2 parte

giocare con l arte

Oggi vi proponiamo di dipingere ma utilizzando una superficie particolare … la carta stagnola.

Occorrente
– Carta stagnola
– Tempere
– Pennello (se non avete i pennelli fateli usare le dita)
– Contenitori per la tempera
– Colla vinilica

Procedimento
– Tagliare la carta stagnola della lunghezza che si desidera
– Unire un po’ di colla vinilica alle tempere (in questo modo una volta che la tempera si sarà asciugata non si staccherà dall’alluminio)
– Iniziare a dipingere

🎨Lasciate liberi i vostri figli di dipingere quello che vogliono, osservateli nell’evoluzione del loro lavoro e nei loro gesti ma in maniera discreta, senza porre domande. Fatevi guidare nella loro immaginazione e ricordate che attraverso la traccia i bambini costruiscono il mondo che li circonda in cui riflettono esperienze ed emozioni🎨

 

Giochiamo con l'arte - 6 parte

giocare con l'arte

La storia delle impronte

Occorrente
– Fogli
– Tempere
– Oggetti vari (tappi, cucchiai, forchette, ecc. )
– Elementi naturali (foglie, rami, sassi, ecc.)
– Pennarelli

Procedimento
– Lasciare libero il bambino/a di sperimentare le impronte che lasciano sul foglio i vari oggetti
– Far scegliere al bimbo/a la sua impronta preferita
– In un foglio nuovo riprodurre nuovamente l’impronta scelta
– Sul foglio il bimbo/a con i pennarelli potrà disegnare tutto quello che serve per far prendere vita alla propria impronta. Lasciategli il tempo di immaginare di chi é il segno, da dove viene, forse é la casa di un animale?
– A lavoro ultimato chiedete al bimbo/a di dare un titolo

🎨 Tutto lascia un’impronta … é il segno tangibile di qualcosa che é passato e ha lasciato traccia di sé. 🎨

Giochiamo con l'arte - 3 parte

giochiamo con l arte

E’ ormai da tempo che portiamo avanti “Incontriamoci in un quadro” per la coppia genitore/figlio-a all’interno dell’atelier dell’immaginario.
Oggi vogliamo darvi un assaggio di quello che è il percorso …. siete pronti?

Occorrente
– Supporto di carta grande (cartone della pizza,foglio di giornale, ecc …)
– Tempere
– Pennelli
– Contenitori per la tempera
– Materiale vario di scarto (tappi, bottoni, rotoli di cartone, ecc…)
– Pasta, legumi ecc…
– Pennarello
– Colla

Procedimento
Lo scopo del gioco è creare un quadro con il proprio figlio/a.
Ciascuno dei due potrà scegliere quale materiale utilizzare e dove posizionarlo.
– Mettere i materiali tutti vicini in modo da avere uno scenario delle possibilità
– Posizionare sul supporto i materiali scelti (date e prendetevi del tempo per questo passaggio)
– Incollare il materiale al supporto
– Scegliere la tempera e iniziare a dipingere sul foglio e/o sui materiali. La tempera può essere data come e dove si vuole, unica regola 2 colori differenti: 1 per il genitore 1 per il figlio/a.
– Dare un titolo al quadro e scriverlo sul lavoro

🎨Piccoli suggerimenti … godetevi il momento, non preoccupatevi di cosa salterà fuori. Divertitevi, ridete e cogliete l’occasione per incontrarvi in un quadro con i vostri bimbi🎨

 

Giochiamo con l'arte - 4 parte

giochiamo con l arte

La goccia che scappa …

Occorrente
– Fogli
– Tempere
– Pipetta contagocce o pennello
– Bicchieri

Procedimento
– Mettere nel bicchiere dell’acqua, pochissima tempera e mescolare (ripetere questa operazione per tutti i colori che si vogliono utilizzare)
– Il bimbo/a dovrà prendere con entrambe le mani il foglio
– Con il contagocce o il pennello mettere una goccia di colore sul foglio
– Il bimbo/a dovrà muovere il foglio inclinandolo, spostandolo a destra e a sinistra, cercando di non far cadere la goccia dai bordi.
– Continuate a riempiere il foglio di gocce a piacimento del bimbo/a

🎨Le gocce di colore tendono a prendere varie strade sul foglio, formando dei disegni fantastici carichi di racconti.
Cosa salterà fuori? Mille strade …. i rami degli alberi … le stelle filanti … un labirinto … e dentro questi mondi ci vivrà qualcuno?
Buon divertimento🎨

 

Share This